GLI STILI DELLA BIRRA
ABBAZIA: Le birre d'abbazia sono birre forti, assai corpose, prodotte ad alta fermentazione che spesso subiscono una rifermentazione in bottiglia; il grado alcolico va dai 6 ai 12 gradi alcolici in volume e il colore spazia dall'oro carico all'ambrato fino allo scurissimo tonaca di frate. Il loro gusto è complesso e presenta infinite aromatizzazioni.

 
Vengono prodotte da aziende birrarie su licenza di abbazie che ormai non brassano più mantenendo le antiche ricette.
ALT
La ramata altbier, letteralmente 'birra antica', è originaria della zona di Dùsseldorf ed è la più simile alle ale. Ad alta fermentazione, di corpo medio-leggero, ha un aroma fruttato e un forte sentore di luppolo. In genere è una birra morbida e ben equilibrata che raramente fa prevalere il gusto maltato. A Dùsseldorf e dintorni, non di rado, a questa birra vengono aggiunti pezzetti di frutta durante la produzione.
 
   
   
   
   
   
 
BIÈRE BLANCHE
La bière bianche (detta anche witbier in fiammingo) è una delle più affermate specialità birrarie del Belgio. Numerose le sue particolarità, che le conferiscono un color giallo lattiginoso, più o meno opalescente: innanzi tutto la mistura con la quale viene preparata, ossia 50% di malto d'orzo, 45% di frumento, 5% avena (non maltati); quindi l'insolita aromatizzazione a base di curacào, buccia d'arancia essiccata e coriandolo. Qualche birrario aggiunge anche semi di cumino o di finocchio. E una birra molto particolare, di contenuto tenore alcolico, assai rinfrescante, con una leggera acidità e un intenso aroma di frutta.
 
   
   
   
   
   
 
BIÈRE DE GARDE
La bière de garde è una birra tradizionale del nord della Francia, solitamente ha un bel color ramato ed è di tenore alcolico più o meno sostenuto, da 5 ai 6 gradi. Queste birre sono rinomate per la stagionatura in cantina in botti e tini di legno. Vengono prodotte con una miscela di malto chiaro e scuro con il sistema dell'alta fermentazione. Solitamente sono presentate in bottiglie da vino con tappi di sughero.
 
   
   
   
   
   
 
BOCK
Bock è il termine tedesco per indicare le birre forti a bassa fermentazione. La heller bock è di colore oro antico, tasso alcolico superiore a 6,25% in volume e un gusto morbido e pronunciatamente maltato. La dunkel bock è invece di colore marrone scuro ed esalta le caratteristiche del malto essiccato e non torrefatto. Se le bock superano i 7,5 gradi alcol diventano doppelbock, in genere assai scure, molto corpose e con una notevole intensità di aromi.
EXPORT
Birra a bassa fermentazione, di color oro carico, non eccessivamente luppolata, di corposità medioalta e di gradazione superiore alle normali lager. Il nome export è legato alla città di Dortmund, la prima città tedesca che organizzò seriamente l'esportazione di birra.
 
   
   
   
   
   
   
 
ICE BEER
La ice beer deriva da una specialità fràncone, la eisbock. È un prodotto che durante la maturazione viene portato a una temperatura molto bassa ma, grazie a un particolare procedimento, i cristalli di ghiaccio vengono mantenuti a grandezza così piccola che riescono a rimanere fluttuanti. Il prodotto che ne risulta è straordinariamente morbido, di contenuto alcolico piuttosto elevato (5,5 gradi), ma assai beverino.
LAGER
Queste birre non presentano particolari caratteristiche tipologiche, se non quelle tipiche dei prodotti a bassa fermentazione: spumeggianti, beverine, mediamente luppolate e, in genere, bionde, anche se esistono lager scure, soprattutto nella Repubblica Ceca, in Baviera e in Franconia. E lo stile più diffuso nel mondo.
LAMBIC & FAMIGLIA
Queste birre, prodotte solo in Belgio, hanno come cereale di base il frumento e vengono ottenute con il metodo della fermentazione spontanea, raccogliendo, quindi, il lievito dell'aria e lasciandolo fermentare liberamente nel mosto. La birra così ricavata si chiama lambic; la miscela di vari tipi di lambic dà origine alla gueuze, che ha caratteristiche di leggerezza e acidulità con un lieve sentore di rabarbaro. Se a una gueuze si aggiungono le amarene e le si lasciano macerare per qualche mese, si ottiene la kriek; se invece si aggiungono lamponi, si ottiene la frambozen. Esistono anche prodotti al mirtillo, alla pesca e alla banana.
 
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
 
MUNCHNER
Monaco di Baviera, una delle città che hanno fatto la Storia della birra, ha dato origine a due tipologie a bassa fermentazione: mùnchner hell e mùnchner dunkel, la chiara e la scura di Monaco. La prima è di color oro con sentore di malto e delicatamente luppolata; la seconda è di color marrone scuro dal gusto particolarmente maltato. Entrambe hanno un tenore alcolico che va dai 4 ai 5 gradi.
PILS
Originaria di Pilsen, città della Boemia, questa tipologia è diventata famosa in tutto il mondo anche se con gusto e aroma diversi a seconda del luogo in cui viene prodotta. Prodotta con il metodo della bassa fermentazione, di color paglierino, talvolta con riflessi verdastri, ha perlage finissimo e schiuma persistente. Grazie all'abbondante luppolatura, ha un piacevole gusto amarognolo che la rende molto dissetante. Nella Germania settentrionale questa caratteristica viene accentuata, mentre le pils di Svevia e Baviera sono meno amaricanti.
 
   
   
   
   
   
   
   
   
 
STOUT
La stout è una birra ad alta fermentazione, scurissima, quasi nera. Ciò è dovuto al malto torrefatto con aggiunta di caramello, che dona non solo il colore scuro, ma anche il caratteristico gusto molto amaro e aromatico. Nonostante il notevole corpo, il contenuto alcolico delle stout è modesto, infatti, va dai 4 ai 5 gradi. A questa famiglia appartengono anche la milk stout, la dry stout, la oatmeal stout, la imperiai stout.
STRONG
La strong è una tipologia di birra ad alta gradazione alcolica che si è affermata sul mercato in seguito all'interesse dei consumatori verso prodotti forti. Queste birre si caratterizzano per l'intenso sentore di malto e una notevole corposità ed evidenziano solitamente un bel color oro carico. Strong beer è la definizione internazionale usata per indicare birre di forte gradazione. In Germania vengono definite doppelbock, in Inghilterra barley wine, negli Usa malt liquor.
 
   
   
   
   
   
   
   
   
 
TRAPPISTE
Le birre trappiste prendono il nome dall'ordine dei monaci che ancora le producono all'interno della propria abbazia. Sono sei, cinque belghe (Chimay, Orval, Rochefort, Westmalle, St. Sixtus prodotta nell'abbazia di Westvleteren) e una olandese (La Trappe). Si tratta di birre forti (dai 6 a oltre i 9 gradi), ad alta fermentazione, con aggiunta di zucchero candito al mosto, rifermentate in bottiglia, con colori che variano dall'oro intenso al marrone scuro. Sono birre assai corpose, dal gusto complesso e dalle infinite aromatizzazioni.
WEIZEN
In Germania le birre di frumento si chiamano weizen o weissbier (frumento e birra bianca) il che spiega subito le caratteristiche di questo stile. Sono prodotte con malto d'orzo e malto di frumento al 50%, e talvolta il frumento raggiunge il 60%. La caratteristica più marcata è il loro pronunciato aroma che va dai chiodi di ga rofano alla vaniglia ai vari tipi di frutta quali mela verde, prugna, e altri ancora. Assai poco individuabile è il luppolo, mentre il gusto è piacevolmente secco. Ne esistono più versioni: kristallklar (chiara senza aggiunta di lievito in bottiglia); hefeweizen o hefeweissbier (con aggiunta di lievito in bottiglia e quindi leggermente torbida); dunkelweizen (scura con lievito, generalmente più corposa dal gusto morbido) queste ultime si rifanno alla tradizione e vengono chiamate anche tradi-tionsweizen o urweizen; weizenbock (particolarmente maltate, di tenore alcolico più elevato). La weizen è una birra decisamente beverina e rinfrescante.